SAGITTARIUSLa passione per il disegno mi accompagna da quando ero poco più che bambina.

Disegnare è stato il mio salvavita nei momenti peggiori: durante le litigate dei miei, la malattia di mia madre, gli anni di profonda solitudine passati in collegio, i momenti di crisi nel periodo dell’Università.

Ora, se vogliamo dirla tutta, sono di nuovo in un momento di cambiamento interiore, sento che è arrivato (per dirla con Terzani) un altro giro di giostra (anzi, spero, stavolta, di scendere dalla giostra) ed ecco che il disegno ritorna nella mia vita!

Quando ho aperto questo blog, quasi due anni fa, avevo in mente di raccontare solo l’altra mia grande passione: il viaggio.

Nell’ultimo mese, però, complice un regalo del dottor C, la voglia di raccontare storie e persone anche per immagini è tornata miracolosamente a farsi sentire.

Quindi: Iaia Stories si trasforma e diventa un blog nel quale cominciano a far capolino anche i miei disegni.

La storia che vi racconto in questo post riguarda un esperimento di pop art: il gioco che sto facendo sui Social, principalmente su Facebook (e Instagram solo come vetrina), coinvolgendo persone vere alle quali ho fatto il ritratto partendo da una foto recuperata dal loro profilo.

Ma non un ritratto qualsiasi: ho chiesto loro di impersonare i segni zodiacali o scegliere quale dio o dea delle mitologie antiche volevano essere e… Ci siamo divertiti tutti moltissimo! 😀

É stato molto interessante studiare i loro volti, interpretarne i segni, decodificare la scelta del personaggio e trovare l’ambientazione. Quasi tutti si sono riconosciuti e hanno trovato “familiare” l’immagine che ho creato per loro.

Pan

Il complimento più bello è stato sapere che il mio disegno, una sera, ha tirato su il morale alla persona ritratta.

Cosa uso per fare i disegni? Una tavoletta Wacom e Photoshop.

Qui trovate un breve video che ho creato con Adobe Spark per omaggiare tutti quelli che hanno prestato il loro volto a questa prima fase del gioco.

Che ne pensate?